| Home | | Chi sono | | Chitarre / Bassi | | Semilavorati | | Mercatino | | Servizi | | Building guitar | | Manuale | | FAQ | | Info/Contatti || Schemi Wiring|

.: F.A.Q. :.

GENERALI

Domanda

Ma vale la pena costruire una chitarra?

Risposta

mmm... classica domanda da 1 milione di dollari... anzi di euro!!! ;-) E' ovvio che per me ne vale la pena per diversi motivi. Il primo è quello di sfidare sé stesso sulle proprie abilità manuali.

In secondo luogo, lavorare il legno è già di per sè un'esperienza bellissima, lo è ancor di più se si lavora il legno per dar vita e corpo alla propria chitarra... allo strumento dei propri sogni.

Domanda

Quanto costa costruire una chitarra elettrica?

Risposta

Il costo è una variabile indipendente... nel senso che si può dare solo un riferimento di massima. Il minimo indispensabile è di circa 300-400 euro. Questa cifra indica solo lo hardware dello strumento, non contempla i costi di attrezzatura per la realizzazione.

Domanda

Quali sono gli attrezzi indispensabili per costruire una chitarra elettrica?

Risposta

Gli attrezzi/utensili indispensabili per costruire una chitarra non sono tantissimi. Se scarichi il demo del mio manuale, nelle prime pagine ci sono tutti quelli che sono assolutamente da avere. E' chiaro che avere a disposizione attrezzi professionali, come ad esempio una sega a nastro, una pialla elettrica, una sega circolare da banco, etc., ridurremmo drasticamente i tempi di lavorazione. Avremmo bisogno, però, oltre ad un importante investimento economico anche di un adeguato spazio per sistemare questi utensili "power". Comunque possiamo ovviare tranquillamente con un po' di pazienza e di attenzione utilizzando strumenti più piccoli e certamente più economici.

Domanda

Quanto tempo ci vuole per costruire una chitarra elettrica?

Risposta

I tempi variano drasticamente in funzione degli attrezzi/utensili che si hanno a disposizione e del tempo che si dedica al lavoro.

La mia prima chitarra l'ho costruita in circa 3 mesi e mezzo. Considera che avevo a disposizione 3 scalpelli, 1 pialletto, un seghetto alternativo (in prestito), una levigatrice e pochi altri attrezzi. Tutti gli scavi per l'alloggio dei pickups e dell'elettronica, sono stati fatti a mano con martello e scalpello. Se avessi avuto a disposizione una fresatrice (elettroutensile indispensabile) avrei impiegato, certamente, la metà del tempo.

Domanda

E' facile trovare i legni per costruire una solid body?

 

Risposta

Si e No. Questa è la prima risposta che mi viene in mente. Innanzitutto dipende in che zona si vive. Nelle grandi città è certamente più semplice trovare i legni per costruire una chitarra elettrica rispetto alle città di provincia o ai piccoli centri. Per fortuna Internet ha praticamente eliminato le barriere consentendo a tutti noi di contattare persone e/o aziende in qualsiasi parte del globo e trovare ciò che ci serve.

Domanda

Ma che tipo di legno devo comprare?

Risposta

Non esiste un legno migliore o peggiore di un altro per realizzare il proprio sogno. Molti liutai elettrici si sono, per così dire, fossilizzati per le loro realizzazioni, sui classici legni di liuteria come il mogano (che amo tantissimo), l'acero, l'ontano, frassino, etc. (per i body), ebano, acero e palissandro per le tastiere. Altri liutai, più "spregiudicati" si sono cimentati col realizzare i propri strumenti anche con altri legni con il ciliegio, il noce, etc. con risultati sicuramente sorprendenti.

L'importante, nella scelta del legno, è la qualità della fibra, la giusta venatura, e l'assenza di nodi. Queste sono le caratteristiche principali da tener presente.

Ovviamente parliamo sempre di legno che siano STAGIONATI più o meno naturalmente.

Domanda

Qual è la stagionatura ideale per il legno?

Risposta

La stagionatura ideale per il legno è quella naturale. Quando un albero viene tagliato ha, evidentemente, una grossa quantità di acqua. Col tempo (molto lentamente) l'acqua evapora questo, però, determina una forte instabilità del legno stesso. Il legno fresco NON può e NON deve essere utilizzato per nessun tipo di realizzazione (strumenti musicali o mobili che siano) fin quando il grado interno di umidità sia accettabile.

La tecnologia ha dato vita alla realizzazione di speciali forni che provvedono all'essiccamento controllato del legno che viene già tagliato ad un determinato spessore.

Va da se che una stagionatura naturale per legni impiegati nella costruzione di strumenti musicali sarebbe l'ideale. Questo significa acquistare il legno, tagliarlo quasi a dimensione di lavorazione finale e lasciarlo all'aria aperta (NON esposto alla luce del sole) per almeno un paio di anni.

Domanda

Cosa mi dici della madreperla e/o abalone sulla tastiera?

Risposta

Personalmente penso che se si pensa di auto costruirsi una chitarra NON è giusto mettere sulla tastiera quei peccaminosi e squallidi pallini neri (o di altro colore) come segnatasti. Qui è sempre la natura a venirci incontro. L'abalone e/o la madreperla con le bellissime iridescenze che offre, sono uno stimolo eccezionale alla fantasia.

Esistono diversi disegni/figure già tagliate e sagomate che bisogno solo "incastonare" nella tastiera. Ad esempio nella mia prima chitarra inserii dei segnatasti a forma di uccello con ali aperte e li puoi vedere nella pagina del manuale.  Oppure possiamo dilettarci a realizzare un vero e proprio disegno personalizzato così come si può vedere in alcuni dei lavori presenti su questo sito.

Comunque da un punto di vista tecnico va detto che gli intarsi una volta "Incastonati" vanno pareggiati con la tastiera (cioè con il legno) lo si fa tranquillamente con carta abrasiva e olio di gomito il suono non cambia... o cmq in maniera praticamente impercettibile all'udito... al tatto ancora meno visto che parliamo di superfici ridottissime...
 

Domanda

Quale è il miglior tipo di colla da utilizzare per gli incollaggi del legno

Risposta

La colla è un elemento importantissimo per uno strumento musicale. I liutai più importanti e attenti al risultato del proprio lavoro, usano la cosiddetta "colla di pesce". Questo tipo di colla, detta anche colla a caldo (da non confondere con quelle a stick che si sciolgono nella pistole apposite!!!) emana un odore nauseabondo, è la migliore per fini liuteristici. Si trova facilmente in ferramenta.

L'unica cosa è che la sua preparazione è piuttosto lunga ed ha bisogno di notevole attenzione quando viene adoperata. L'incollaggio con questo tipo di colla offre una serie di vantaggi. Innanzitutto la tenuta, fortissima e sicura, NON altera le caratteristiche del legno (quindi dello strumento) e in più offre il vantaggio che, in caso di necessità, può essere scollata senza danneggiare le parti incollate (scusa se è poco).

In alternativa a questo tipo di colla, secondo la mia esperienza, la vinavil offre le giuste garanzia di tenuta e di qualità.

Poi vi sono altre colle (per lo più americane) sviluppate per la liuteria elettrica soprattutto. Francamente non le ho mai utilizzate e non conosco né la qualità né la tenuta. Comunque, per quanto mi riguarda, resto fedele alle prime 2 citate.

 

TECNICHE

Domanda

Cosa è la scala del diapason

Risposta

La scala del Diapason rappresenta la lunghezza totale della corda vibrante e si misura dal capotasto alla "sound line" del ponte.

Le chitarre elettriche dei vari costruttori si caratterizzano per lunghezze diverse. Se scarichi la demo del MANUALE sono riportate le scale del diapason delle chitarre e dei bassi elettrici più noti.  

Domanda

Che differenza c'è tra una paletta inclinata e una paletta parallela al piano della tastiera?

Risposta

La paletta parallela (tipo Fender) in linea di massima, offre un minor sustain allo strumento. Le palette inclinate, invece, garantiscono un sustain maggiore alla chitarra (o basso). Questo è dovuto proprio all'inclinazione delle corde rispetto al piano della tastiera.

Basti pensare ai Liuti che hanno una paletta inclinata addirittura a 90°, questo è il massimo sustain che si può ottenere.

Domanda

Ma cosa è il "sustain"?

Risposta

È la lunghezza temporale durante la quale una nota continua a suonare dopo che la corda è stata pizzicata. I fattori che influenza il Sustain non sono legati unicamente all'inclinazione della tastiera. Anche le altre modalità costruttive generali dello strumento determinano un sustain più o meno elevato. In genere le chitarre con manico incollato alla cassa hanno un sustain maggiore rispetto ai manici avvitati.

In ogni caso il maggior sustain è dato dall'incastro a "coda di rondine", lo stesso che uso fare io sulle chitarre che costruisco. Vai la sezione "building guitar" per vedere questo tipo di incastro.

Domanda

Ma se l'incastro a coda di rondine è il migliore, perchè non viene adottato sulle chitarre elettriche più famose?

Risposta

Secondo me il motivo è unicamente economico. Realizzare chitarre con incastro a coda di rondine è molto più costoso e determina un allungamento dei tempi di produzione.

Ovviamente per chitarre prodotte in serie la cosa "non è economicamente" accettabile. Considerando che l'incastro incollato (tipo Gibson per intenderci) offre comunque un'ottima resa, ecco spiegato il motivo dell'inutilizzazione sulle chitarre elettriche.

Ti invito, però, a pensare agli strumenti classici di prestigio come i violini, contrabassi, chiatrre classiche e via dicendo. Sono TUTTE realizzate con incastro a coda di rondine.

Domanda

Cosa è il Radius?

Risposta

Il RADIUS detto anche raggio di curvatura della tastiera, non è altro che la bombatura che si ha sulla tastiera di una chitarra o di un basso (anche altri strumenti a pizzico hanno il radius) Esso rappresenta la sezione di un cerchio. Generalmente la misura di tale raggio viene espresso in pollici ed ha un range che va da 7’’ ¼ a 20’’ (vi sono tastiere completamente piatte come in alcune chitarre classiche).

Maggiore è la bombatura e più sarà semplice suonare gli accordi, viceversa una tastiera più piatta aiuto molto di più per suonare assoli. Infatti, nel primo caso, saremo costretti ad un'action più alta... nel secondo caso potremmo avere corde talmente basse da poter rasentare la cosidetta "friggitura" delle corde.

Radius - raggio tastiera

Domanda

Cosa è il compound radius?

Risposta

Il compound radius è una felice invenzione liuteristica che consente di avere contemporaneamente una doppia raggiatura sulla tastiera. Infatti dal capotasto al 12° si ha una bombatura più stretta per facilitare gli accordi. Dal 12° tasto a fine tastiera, vi sarà un raggio più ampio proprio per agevolare il bending. In questi casi avremo, inevitabilmente, raggi diversi per il capotasto e per il ponte.  

 

Condividi

| Home | | Chi sono | | Chitarre / Bassi | | Semilavorati | | Mercatino | | Servizi | | Building guitar | | Manuale | | FAQ | | Info/Contatti || Schemi Wiring|

. : www.koolguitars.com : . . : info@koolguitars.com : . . : 338.14.13.610 : . .

P. IVA 04453970651 - Traversa privata Via Andrea Sorrentino, snc - 84013 Cava dei Tirreni, SALERNO